Al momento stai visualizzando Reggio Emilia e il trasporto pubblico: l’analisi ed il punto di vista di una studentessa.

I mezzi pubblici rappresentano un grande aiuto per la mobilità di tutti i cittadini, soprattutto per i giovani e per le categorie più fragili (gli anziani, i disabili, …) . Da pendolare maturante esperienza quasi decennale posso raccontare la mia sui mezzi a Reggio Emilia, la città in cui sono nata e cresciuta.

Sin dalle scuole superiori ho avuto a che fare in particolar modo con gli autobus, che usavo ed uso tutt’ora quotidianamente per recarmi all’università.

Quando per la prima volta ho dovuto prendere un mezzo pubblico ho affrontato quelle che attualmente sono problematiche persistenti:

  • La prima difficoltà è stata quella della capienza dei tram: durante gli orari di entrata ed uscita da scuola ci sono folle di ragazzi che ‘’combattono’’ per la salita nel bus. Il fatto di essere in tantissimi a dover prendere lo stesso mezzo, nello stesso momento, era una cosa praticamente irrealizzabile. In sintesi o ti azzuffavi per salire e in un modo o nell’altro ti infilavi tra la folla, oppure eri costretto a dover aspettare l’autobus successivo che generalmente arrivava una ventina di minuti dopo.
  • Un’altra calamità che incide negativamente sull’efficienza dei mezzi di trasporto riguarda gli innumerevoli ritardi, per cui si è costretti ad uscire di casa tempo prima per non rischiare di arrivare a scuola/lavoro in ritardo e viceversa.
  • Anche il discorso dei prezzi è un vincolo che condiziona molte persone sulla decisione di prendere o meno un mezzo pubblico, se pensiamo di dover spendere 1.50 euro per un biglietto dalla durata di 75 minuti, valido solo per una zona, oppure, per fare un abbonamento annuale del costo di 240 euro che in molti casi può gravare sulle spese di una famiglia media, com’è il caso della mia, in cui i miei genitori spendevano all’incirca 720 euro per fare il mio abbonamento e quello dei miei due fratelli.

Ad oggi queste problematiche persistono, ma posso dire che negli anni si nota un graduale miglioramento per cercare di ridurre i problemi più frequenti. Si è introdotta – per esempio – la possibilità di fare il biglietto direttamente in tram pagando con la carta contactless (prima si poteva pagare solo in contanti, sul mezzo) e questa novità ha inciso positivamente sulla possibilità di poter prendere il bus senza dover pensare al fatto di avere moneta o meno..

Per informazioni sul nuovo sistema di pagamento a bordo è possibile consultare la pagina di Seta all’indirizzo: https://www.setaweb.it/re/EMV

Ma non solo, da quest’anno c’è anche la possibilità per gli studenti under 19 di usufruire dei bus e treni regionali gratuitamente; si tratta di un abbonamento che prevede la gratuità, per i percorsi casa-scuola, rivolta agli studenti iscritti alle scuole primarie (elementari) e secondarie di primo grado (medie inferiori) e secondarie di II° grado, valido dal 1/09/21 al 31/08/22, che deve essere richiesto attraverso l’accesso con credenziale SPID al portale attivato dalla Regione Emilia-Romagna all’indirizzo:

https://mobilita.regione.emilia-romagna.it/gratis.

Tuttavia, per richiedere questo abbonamento è necessario disporre di :

  • Residenza in Emilia-Romagna
  • La certificazione ISEE minore o uguale a 30.000 euro
  • Credenziali di autenticazione per accedere al portale SPID del genitore se ragazzo minorenne, oppure se maggiorenne proprie credenziali
  • Data di nascita antecedente al 31 dicembre 2007 compreso.

Sottolineo quindi l’impedimento degli studenti il cui percorso casa-scuola comprende altre regioni , e confido in altri progetti di questo tipo, che non escludano però questa parte di ragazzi.

Nonostante ciò, questo penso sia fino ad oggi il più grande mutamento che si sia fatto.

Per scoprire come la pensano e come viene percepito dai cittadini il Trasporto Pubblico a Reggio Emilia, abbiamo pensato di creare un quiz online , dove con semplici domande abbiamo potuto constatare quelli che sono i pensieri di una parte delle persone che usano, non usano o che usavano ed hanno smesso il trasporto pubblico.

Eccolo qui

Per Federconsumatori Reggio Emilia Lamyaa Naili & Lucia Lusenti
L.R. 4/17annualità 2021

503 Visite
  • Categoria dell'articolo:TRASPORTI E TURISMO
  • Tempo di lettura:5 minuti di lettura